Questo sito web utilizza i cookies tecnici. I cookies non possono identificare l'utente. Se si proseguirà nell'utilizzo del sito si assumerà il consenso all'utilizzo.
Se si desidera utilizzare i siti senza cookie o volete saperne di più, si può leggere qui

Polizia Penitenziaria: Natale di solidarietà

Condividi

natale solidarietaRoma, 21 dicembre 2016- La Polizia Penitenziaria della casa circondariale di Vasto e del Provveditorato della Calabria protagonista di due inizitive di solidarietà per le persone colpite dal sisma. Atti che evidenziano la sensibilità e la generosità degli appartenenti al Corpo, sempre presenti con iniziative spontanee di solidarietà verso chi ha bisogno di aiuto.

Gli Agenti della Polizia  Penitenziaria in servizio a Vasto hanno ceduto i pacchi dono che ricevono dal loro ente di assistenza destinandoli ai terremotati di Arquata del Tronto (Ascoli Piceno). In totale sono stati raccolti una quarantina di pacchi, contenenti generi alimentari o giocattoli a seconda l'eta' dei loro figli. Una delegazione di Agenti si è recata nel comune terremotato utilizzando un furgone messo a disposizione dal gruppo di Protezione civile Valtrigno di San Salvo. Gli agenti sono stati ricevuti in Comune dal vicesindaco Michele Franchi, che ha ringraziato per l'iniziativa spontanea quanto generosa.

Con una lettera indirizzata al Provveditore della calabria il personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso il Provveditorato regionale ha chiesto di destinare sessanta buoni pasto da  a un collega delle zone terremotate. Ecco il testo della lettera: "Come tutti gli italiani siamo rimasti incollati ai televisori a vedere il disastro che il terremoto in quel tristissimo giorno di agosto aveva creato. Non più paesi ma cumuli di macerie, un dolore immenso ci ha accomunati e, un grande senso di solidarietà e vicinanza con quelle popolazioni ormai private di tutto. Ognuno di noi nel nostro piccolo ha contribuito nelle proprie possibiliti con delle piccole offerte per dare sollievo ai disagi di queste persone. Ognuno di noi come in tutte le grandi famiglie, e noi che riteniamo il corpo di polizia penitenziaria la nostra famiglia, il pensiero è volato ai nostri colleghi che si trovavano in quelle zone e, subito, abbiamo pensato di stargli vicino e di donare un buono pasto a qualcuno che ha veramente bisogno, siamo riusciti a raccoglierne 60. Ci affidiamo a lei che in questo momento riveste anche la carica di provveditore delta regione Abruzzo a voler individuare un collega che in questa tragedia del terremoto sia stato piu colpito, affinchè per queste festività natalizie possa avere in modo tangibile la nostra vicinanza quali colleghi distanti chilmometricamente ma vicini nei nostri pensieri. Una Santa quale madre Teresa di Calcutta ci ha insegnato "non importa quanto si dona ma lo spirito con cui si dona". Ringraziamo lei Signor Provveditore per la disponibilità dimostrataci e auguriamo delle serene festività natalizie a lei e con il cuore a tutti i nostri colleghi e alle proprie famiglie. Il Personale tutto del Provveditorato della Calabria.