Questo sito web utilizza i cookies tecnici. I cookies non possono identificare l'utente. Se si proseguirà nell'utilizzo del sito si assumerà il consenso all'utilizzo.
Se si desidera utilizzare i siti senza cookie o volete saperne di più, si può leggere qui

Fagotto

Condividi

fagottoStrumento a fiato di legno ad ancia doppia, ha solitamente otto fori per la diteggiatura controllati da chiavi. L’ancia è situata al termine di un tubo metallico ricurvo.
Proviene dalla dulciana intorno al 1650 (strumento ricavata da un unico blocco di legno).
Fu introdotto in orchestra verso la fine del 600, come sostegno alla sezione grave degli archi.
Compositori come Mozart e Haydn proposero un ruolo indipendente nella sezione degli strumenti a fiato dell’orchestra. Durante gli anni risalenti al 1800 subì sostanziali modifiche: in particolare, furono aggiunte, dai costruttori tedeschi, chiavi e furono riposizionati i fori d’apertura, fino a dare allo strumento l’attuale aspetto.
Il controfagotto è intonato un’ottava più bassa del fagotto. Il suo suono lamentoso è stato utilizzato da Beethoven nelle sinfonie, oltre che nella cupa scena del carcere nel Fidelio.